taglio torta

In occasione del 25° anniversario del Centro vogliamo condividere questa lettera che abbiamo scritto al nostro Centro "Pertini"....

Caro Centro Pertini,
è con grande emozione che ti scrivo questa lettera per i tuoi primi 25 anni.
Una lettera per ringraziarti, per dirti che cosa rappresenti per me e per tutti i volontari e i soci che ti frequentano.

Leggi la lettera intera....


In questi mesi ci siamo preparati per festeggiare questo tuo e nostro importante traguardo e l'abbiamo fatto ascoltando chi dall'apertura sino ad oggi dona a te il proprio tempo e un fondamentale contributo, ci siamo messi anche alla ricerca e abbiamo spulciato tra vecchie fotografie e documenti per conoscerti ancora meglio, per far si che ogni tuo aspetto e ogni tua bella storia venisse raccontata.

E' stata un esperienza utile e molto emozionante.

E' stato bello rivederti quando ancora non eri il Centro "Pertini", ma una casa tra i campi con il pollaio a parte, edificio che è rimasto parte del Centro e dal quale ora escono le nostre buonissime crescentine, e tutto intorno l'Abbazia e poche case. Come cantava Celentano nel "Ragazzo della Via Gluck"...la dove c'era l'erba ora c'è una città! E aggiungiamo noi, per fortuna che ci sei anche tu Centro "Pertini".

Il 25 Aprile 1993, dopo un lungo travaglio legato ai lavori di ristrutturazione, hai aperto le tue porte, iniziando così la tua attività al servizio della nostra Comunità e dei cittadini di Zola Predosa.

Un'apertura molto attesa di un luogo nato e pensato per la popolazione più anziana, sull'onda dei centri sociali autogestiti dagli anziani nati in quegli anni nella Città di Bologna e nei comuni limitrofi, colonna portante di quella che poi è diventata la nostra associazione nazionale ANCeSCAO.

Luoghi in cui con il pretesto di giocare a carte, bere qualcosa e chiaccherare si socializzava e si stava insieme agli altri combattendo il male della solitudine e per non fare troppo caso al tempo che passa.

In questi anni dalla tua porta, sono passate tante persone e tantissimi volontari che non finiremo mai di ringraziare per il loro lavoro a favore di tutti.

Ed è proprio ai tuoi volontari che in questi anni ti hanno amato e servito devi il tuo prestigio.

C'è chi taglia il prato del tuo parco, chi fa manutenzioni, chi cucina, chi sta al bar, chi fa le pulizie, chi organizza gite e viaggi, chi organizza eventi culturali, tornei di carte o di biliardo, chi tiene dentro ai conti e alla burocrazia. C'è anche chi tanti anni fa giocava nel tuo parco ed ora è un tuo volontario!

Come in tutte le realtà di volontariato si formano amicizie profonde e ogni tanto può capitare di non andare d'accordo, ma tutto si supera quando si pensa che tutti sono accomunati però dal sentirsi parte di qualcosa di più grande, di una famiglia, di una comunità di donne e di uomini che fanno tutti i giorni - da 25 anni - qualcosa di importante.

Importante come il nome che ti è stato dato: Sandro Pertini.
Il partigiano, l'esule, il protagonista della lotta al nazifascismo, padre Costituente divenuto prima Presidente della Camera e poi Presidente della Repubblica.
Il Presidente per eccellenza. Un politico con idee ben precise e sempre difese con tenacia, che ha saputo però rappresentare l'unità nazionale meglio di chiunque altro.
Come ci sarebbe bisogno oggi del Presidente Pertini!

Se dalla tua porta sono entrate tante persone, dalle tue finestre abbiamo visto tante trasformazioni del nostro territorio e della nostra società.

Un mondo che cambia e che viaggia velocissimo rispetto al 1993 grazie ad Internet e alle nuove tecnologie.
Un mondo nel quale si va in pensione sempre più tardi, nel quale il lavoro non è più stabile e in cui essere volontari è più complesso.
Un mondo in cui il divario tra giovani e anziani è elevatissimo.
Un mondo che sotto casa accoglie persone che parlano lingue diverse, nel quale si affermano sempre nuove esigenze e fragilità.

Caro Centro Pertini cosa farai da grande?

In questi anni sei diventato un punto di riferimento per tanti, anziani e non solo, anzi ti sei aperto alle altre associazioni, hai incontrato tanti amici con i quali vivere insieme bei momenti.

Sei un luogo frequentato anche da famiglie, dai bambini e dai ragazzi. Giovani ai quali è dedicato il messaggio contenuto nel busto posto all'esterno del centro.

Caro Centro "Pertini" siamo certi che, come sempre, ti saprai adeguare ai tempi e alle necessità che cambiano, ma tu resta sempre come sei: un luogo aperto, libero e accogliente.

Un luogo di cui essere fieri!

Noi volontarie e volontari di oggi faremo tutto il possibile per mantenerti sempre così e per far proseguire la tua storia importante che verrà ulteriormente alimentata nel tempo da nuove persone che come noi oggi, e tanti volontari ieri, daranno il loro contributo per proseguire questo cammino.

Questa per tutti noi che siamo in questa sala oggi a festeggiarti resterà una giornata indimenticabile nella quale poter dire e scrivere IO C'ERO!

Buon compleanno Centro "Pertini", e auguri per il tuo, il nostro, radioso futuro!
JSN Mico template designed by JoomlaShine.com